Il punto erba è uno dei punti del ricamo più semplice, consiste nell’eseguire i contorni e le linee più sottili del disegno, ma se questo punto viene realizzato in file ravvicinate si può utilizzare per riempire degli spazi non troppo grandi. Insomma, utilizzando questo semplice punto si possono realizzare dei ricami veramente fantastici.

Prendi la stoffa e l’ago infilato con il filo. Passa l’ago sotto 2 o 3 fili di tessuto e seguendo il disegno prendi altri 2 o 3 fili facendo uscire l’ago nel punto preciso nel quale è stato infilato. In pratica devi fare attenzione che i punti risultino rivolti verso sinistra se il filo è tenuto verso il basso e verso destra se viene tenuto verso l’alto. Se il punto lo esegui correttamente, sul rovescio deve apparire una regolare impuntura.

Punto erba diviso. La lavorazione deve avvenire in modo molto simile al punto erba normale, però invece che fare uscire l’ago nel punto preciso in cui è stato infilato, bisogna uscire con l’ago sulla metà del filo del punto precedente, dividendo in questo modo il punto in due parti.

Punto erba rasatello. Il punto erba rasatello è costituito da file ravvicinate del punto base descritto nel primo passo. Per prima cosa realizzi il contorno del disegno, poi continui in modo “circolare” realizzando altre righe molto vicine al contorno. Questo punto serve per riempire dei piccoli spazi limitati.