La capacità di sintesi è un dono che non tutti abbiamo di natura, ma a volte ci viene richiesto di riassumere un libro, un saggio, un film, una serie tv, come fare a esporre i punti principali di un racconto senza doverci stare un giorno intero? Ecco qualche indicazione.

La prima cosa da fare è leggere bene il testo o guardare bene il filmato che devi riassumere. Se puoi leggilo o vedilo anche più volte. Durante la lettura appunta su un foglio gli eventi che ti sembrano più importanti, senza aggiungere alcun particolare. Se sei su un libro puoi anche fare un segno a margine del testo per individuare questi punti. Una volta individuati tutti i punti più importanti, controllali in ordine e chiediti se sono tutti necessari per capire l’andamento della storia. Se non lo sono, toglili dal tuo elenco.

Prendi un foglio pulito (o se preferisci un programma di videoscrittura come Word o come il Blocco Note) e comincia a raccontare la storia seguendo i punti dell’elenco che hai fatto in precedenza. Cerca di non elencare troppi dettagli a meno che questi non risultino importanti nella storia (a nessuno interessa se quel giorno il protagonista indossava una maglietta rossa o blu!). Scrivi delle frasi brevi ed evita le parole altisonanti: stai scrivendo un riassunto, non un libro! Il tuo scopo non è intrattenere il lettore, ma fargli capire la trama di una storia a grandi linee.

Una volta finito, rileggi accuratamente il testo. Controlla che quello che hai scritto segua un filo logico, ma sopratutto fai attenzione che la grammatica sia corretta! Se hai dubbi sull’uso della punteggiatura, non usarne troppa e a sproposito: punti e virgole, se usati nel modo giusto, possono essere sufficienti. Per spiegare meglio un concetto, utilizza i due punti. Evita infine i dialoghi diretti: quasi sempre puoi riassumere uno scambio di battute in parole tue.